LOMBALGIA: Falsi miti

La lombalgia , più comunemente detta “mal di schiena”, è un disturbo piuttosto frequente ed invalidante.

Essa colpisce , ad un certo punto della vita, circa il 40% delle persone.

Nella maggior parte dei disturbi ad essa associati non viene identificata una causa specifica.

Lo sviluppo delle tecnologie diagnostiche e l’aumento delle prescrizioni di Risonanze magnetiche, Rx, ecografie e altre, ha portato troppo semplicisticamente  ad associare l’aspetto strutturale al dolore.

Su queste basi si sono sviluppate una serie di convinzioni limitanti nella testa dei pazienti, i quali tendendo a catastrofizzare ed a preoccuparsi eccessivamente di proteggere la struttura “lesionata”, rischiano di ritardare il normale processo di guarigione.

Sfatiamo dunque alcuni miti in merito al mal di schiena:

Le immagini di laboratorio mi diranno esattamente perché ho dolore.

Falso. Non si può fare diagnosi di mal di schiena basandosi solamente sugli esami diagnostici, in quanto questi possono soltanto dirci come è fatta la struttura.

In moltissimi pazienti asintomatici (più dell’80 %) sottoposti a studi sperimentali si sono trovati esiti diagnostici di ernie, protrusioni discali ed artosi .

Gli esami possono individuare gravi problemi della struttura (1-2% dei casi) qualora l’anamnesi clinica e l’esame obiettivo  portino il clinico  sospettarne  la  presenza.

La chiruriga è sempre necessaria.

Falso.Anzi, il ricorso alla chirurgia dovrebbe essere limitato ai rari casi in cui la compressione della radice nervosa provochi deficit neurologici gravi come la perdita della forza o dei riflessi.

 Ho qualcosa fuori posto (vertebra / bacino spostati, nervo “accavallato”  ecc.)

L’idea che ci sia qualcosa fuori posto (spesso inculcata dagli addetti ai lavori o da alcuni praticoni…) porta il paziente a sviluppare convinzioni limitanti e preoccupazione eccessiva che inevitabilmente condizioneranno negativamente il recupero.

Molte asimmetrie infatti, sono normali e non sono causa di alcun sintomo.

Le tecniche manipolative della Terapia Manuale, tra l’altro, non riposizionano nessun segmento spostato ma creano picchi di afferenze propriocettive andando a modulare la percezione del dolore e, riducendo la contrattura antalgica riflessa ripristinano la mobilità articolare.

 Muovermi farà peggiorare il mio mal di schiena.

Falso. Si è capito , fortunatamente già da diverso tempo, che il riposo a letto non è necessario.

Purtoppo la paura del movimento quando si ha dolore (kinesiofobia) è ancora molto diffusa.

La ripresa graduale e precoce del movimento (ovviamente appena il dolore lo consenta)  è però fondamentale : la schiena è fatta per muoversi, non bisogna avere paura!

 Il nuoto è una terapia.

Falso .Il nuoto è uno sport 😊.

Come indicato da un recente studio di ISICO (Istituto Scientifico Italiano Colonna Vertebrale) il nuoto, da sempre indicato come ideale per la prevenzione e la gestione di dolori ed altri problemi della colonna vertebrale, in alcuni casi non sarebbe addirittura cosi adatto.

Ogni lombalgia , cosi come ogni altro disturbo neuro-muscolo-scheletrico, deve essere valutato singolarmente per stabilire il programma riabilitativo mirato al caso specifico.

 Devo stare dritto!

Non è stata identificata ad oggi nessuna postura seduta statica che sia in grado di prevenire o ridurre il mal di schiena.

E’ invece di fondamentale importanza mantenere un corretto stile di vita e fare attività fisica.

 

COPYRIGHT 2018 - Dr. Emanuele Fontana
Fisioterapista specializzato in terapia manuale
lorenzo
Realizzazione siti web

Cookie Policy

Informativa privacy ai sensi dell'art. 13 del d.lgs 196/2003 (codice privacy)

Ai sensi dell'articolo 13 del Codice Privacy (D.Lgs. 196/03), La informiamo che l'impresa titolare del sito indicata in calce al sito medesimo è il titolare del trattamento (di seguito "Titolare"). Secondo la legge indicata tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Questo sito raccoglie dati necessari alla navigazione e alla fruizione dei servizi ad essa collegati trattandoli in forma anonima ed aggregata.

Il trattamento di tali dati verrà effettuato attraverso strumenti automatizzati e non, in conformità con le finalità indicate e nel rispetto dei requisiti di riservatezza e delle più idonee misure di sicurezza, come indicate dal Codice Privacy.

Il conferimento dei dati è necessario per perseguire le finalità summenzionate e gli stessi non saranno né comunicati, né diffusi.

I dati saranno conservati per il periodo strettamente necessario al perseguimento delle finalità suindicate e comunque per non oltre un anno.

Nella Sua qualità di interessato del trattamento, Le è garantito l'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/03, tra i quali il diritto di ottenere dal Titolare del trattamento la conferma dell'esistenza dei Suoi dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile, di conoscere le modalità e le logiche del trattamento, di richiedere l'aggiornamento e l'integrazione dei dati stessi, la loro cancellazione o trasformazione in forma anonima, in caso di violazione di legge, nonchè, di opporsi al loro trattamento. Tali diritti potranno essere esercitati rivolgendosi in qualsiasi momento per iscritto al Titolare del trattamento, presso la sua sede indicata nel sito internet medesimo.

Cosa sono i cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono automaticamente posizionati sul PC del navigatore all'interno del browser. Essi contengono informazioni di base sulla navigazione in Internet e grazie al browser vengono riconosciuti ogni volta che l'utente visita il sito.

Cosa fare se non volete che dei cookie siano installati sul vostro computer?

Per alcune persone l'idea che sul proprio computer o portatile vi sia un luogo di memorizzazione delle informazioni rappresenta un'invasione della privacy, in particolare se tali informazioni sono memorizzate e utilizzate da terzi che non si conoscono. Se lo si preferisce, è possibile bloccare alcuni o tutti i cookie o persino cancellare i cookie che sono già stati installati sul proprio computer, tuttavia occorre essere consapevoli che in tal modo vi è il rischio di perdere alcune funzionalità. A tal fine, occorre modificare le impostazioni sulla privacy del proprio browser. 

Alcuni operatori esterni hanno sviluppato strumenti che consentono di disattivare la raccolta e l'utilizzo dei dati da parte dei loro moduli.

Il sito www.lorenzoandreassi.it e i cookies

First party cookies

Il sito utilizza cookie legati al suo funzionamento, finalizzato a:

Non c'è modo di impedire l'utilizzo di questi cookie, oltre che non utilizzare il nostro sito.

Third party cookies

Il sito include funzionalità fornite da terze parti. Un esempio è una mappa incorporata di Google Maps, o Google Analytics. Il sito include le seguenti funzionalità che utilizzano cookies:

Disabilitando questi cookie probabilmente saranno interrotte le funzioni offerte da queste terze parti.

Si invitano gli utenti a prendere conoscenza della politica di gestione dei cookie dei social network sui siti interessati.