Dolore inguinale:

Dolore inguinale: "sport's hernia"

Il dolore pubico di origine inguinale è un sottogruppo del dolore pubico ed è probabilmente una tra le situazioni cliniche su cui si fa più confusione in assoluto nel campo della pubalgia degli atleti.

Sono state assegnate infatti differenti nomenclature alla problematica clinica quali: sport's hernia (ernia dello sport), sportsman's hernia( ernia dello sportivo), sportsman's groin(inguine dello sportivo) , posterior wall weakness( debolezza del muro addominale posteriore) , Gilmore's groin (inguine di Gilmore) e hokey groin (inguine dell'hokey).

Criteri diagnostici:

Le caratteristiche per la diagnosi di sport's hernia sono:

-dolore nell'area del canale inguinale e alla palpazione dello stesso; assenza di ernie inguinali palpabili.

-dolore evocabile dalla contrazione contro resistenza degli addominali o da manovra di Valsalva, tosse e starnuto.

 

Il substrato patologico non è ancora chiaro, ci sono diverse ipotesi di descrivere la patologia sottostante, come ad esempio una sporgenza o  rigonfiamento del muro posteriore che causa una neuropatia da intrappolamento, una tendinopatia del legamento inguinale, una lesione dell'aponeurosi dell'obliquo esterno o una lesione del tendine congiunto, ma come detto, ancora non vi è certezza sulla esatta patogenesi del problema.

 

Trattamento conservativo:

Analizzando la letteratura scientifica riguardo il trattamento conservativo della sport's hernia, troviamo come risultato che "non esistono studi focalizzati ad uno specifico e ben descritto portocollo di trattamento".

Troviamo però diverse raccomandazioni sull'incentrare tale trattamento su un approccio basato sull' esercizio attivo.

Questo approccio mira al rinforzo dei muscoli addominali e include sia allenamento in isometria che in isotonia (contrazione concentrica ed eccentrica), in combinazione con esercizi per gli adduttori, per la stabilità pelvica e per l'equilibrio.

Come per le tendinopatie , il periodo di trattamento può durare 8-12 settimane e la sospensione temporanea dell'allenamento può essere a volte necessaria per permettere una progressione ottimale di carico alle strutture coinvolte, guidando l'atleta al graduale rientro in attività. Possono essere comunque mantenute tutte quelle attività dove non vi è un grosso coinvolgimento della muscolatura addominale (cyclette o fitness generico) se non provocano dolore.

 

Trattamento chirurgico:

Solo nei casi in cui il trattamento conservativo non ha successo si può considerare l'intervento chirurgico. 

Esiste in letteratura un solo studio di alta qualità dove si paragona l'intervento chiururgico in laparoscopia al trattamento conservativo nella sport's hernia. Tale studio includeva pazienti con storia di dolore da più di 3 mesi ,  dolore alla palpazione sopra al legamento inguinale e dolore a livello dell'osso pubico e del tubercolo degli adduttori e/o edema osseo visto in risonanza magnetica.

E' stata effettuata una randomizzazione di 60 atleti in due gruppi: laparoscopia vs trattamento conservativo ( descritt ocome riposo da attività, fisioterapia attiva e farmacoterapia analgesica e antinfiammatoria).

Questo studio ha scoperto che il 97% dei pazienti trattati con la laparoscopia era tornato allo sport dopo un anno rispetto al 50% di quelli trattati conservativamente.

La scarsa descrizione del trattamento conservativo rende difficile l'interpretazione della pratica clinica ma sembra suggerire che almeno la metaà dei pazienti che intraprendono tale percorso saranno in grado di tornare all'attività sportiva a distanza di un anno senza ricorrere all'intervento chirugico.

 

 

 

Leggi tutto...

Instabilità di spalla negli atleti overhead

Instabilità di spalla negli atleti overhead

La spalla è l'articolazione più mobile del corpo, rappresenta un fulcro essenziale nella catena cinetica impegnata nel sollevamento del braccio, a ruotarlo e ad alzarlo sopra la testa. Questa capacità di movimento è espressione di un insieme di articolazioni che coordinandosi tra di loro finalizzano il movimento, e allo stesso tempo è sempre espressione di un fine equilibrio muscolo-tendineo e legamentoso che, se disturbato, può causare instabilità e quindi portare alla lussazione / dislocazione dell’omero nei confronti della scapola.

Leggi tutto...

Dizziness (vertigini) di origine cervicale

Dizziness (vertigini) di origine cervicale

Il sistema Sensomotorio Cervicale è uno dei 3 sistemi deputati al controllo dell'equilibrio statico e dinamico insieme al Sistema Vestibolare e al Sistema Visivo.

I muscoli sub-occipitali contengono un'alta percentuale di fusi muscolari, i quali trasmettono informazioni sensomotorie al Sisema Nervoso Centrale. Queste informazioni sono molto importanti per il controllo della posizione d della coordinazione di testa e collo.

Leggi tutto...

Mal di schiena aspecifico: aspetti bio-psico-sociali

Mal di schiena aspecifico: aspetti bio-psico-sociali

Il mal di schiena o lombalgia è la principale causa di disabilità nel mondo. Ne è affetta sia la popolazione sedentaria e generale che quella atletica.

Circa l'85% della popolazione almeno una volta nella vita soffre di un episodio di mal di schiena.

Leggi tutto...

The Thoracic Outlet Syndrome : la sindrome dello stretto toracico.

The Thoracic Outlet Syndrome : la sindrome dello stretto toracico.

La sindrome dello stretto toracico superiore (in inglese semplicemente thoracic outlet syndrome, sindrome dell'egresso toracico o TOS) è un quadro patologico da compressione neurovascolare a carico della radice degli arti superiori.

Leggi tutto...

GESTIONE FISIOTERAPICA DELLE TENDINOPATIE

GESTIONE FISIOTERAPICA DELLE TENDINOPATIE

La diagnosi clinica di "Tendinopatia" riguarda tutte quelle situazioni in cui si presentano DOLORE E DISFUNZIONE nel tendine.

Leggi tutto...

LA PAURA DEL DOLORE

LA PAURA DEL DOLORE

La ricerca scientifica ha dimostrato che spesso la paura del dolore può essere un problema più grande del dolore stesso.
Da un punto di vista evolutivo, questo meccanismo è stato probabilmente molto importante per la nostra sopravvivenza.
Nel breve periodo evitare le attività che provocano il dolore è un meccanismo che ci consente di pre-venire altri danni.

Continuare ad evitare le attività che si ritiene siano pericolose, ma in effetti non lo sono, fa iniziare un viaggio che può essere dannoso per la propria salute..

Leggi tutto...

Ansia, respirazione, dolore:quali connessioni?

Ansia, respirazione, dolore:quali connessioni?

DOLORE ,ANSIA e RESPIRAZIONE:
Quando siamo impauriti dal dolore 😧potremmo di conseguenza sviluppare catastrofismo, una ipervigilanza rispetto allo stesso, una paura del movimento.
Alcune aree del nostro cervello🧠 ,

Leggi tutto...

PROFESSIONISTA DELLA SALUTE, DOVRESTI CURARE PRIMA DI TUTTO LA TUA IGNORANZA?

PROFESSIONISTA DELLA SALUTE, DOVRESTI CURARE PRIMA DI TUTTO LA TUA IGNORANZA?

Nelle righe che seguiranno potrete leggere l'esperienza diretta di una paziente con dolore cronico (che ha pubblicato la stessa sul British Journal of Sport Medicine).
 
Vi invito a leggere tutto per comprendere cosa sia il dolore cronico e come se ne possa uscire nonostante spesso ci sia troppa ignoranza sull'argomento, anche tra i professionisti sanitari, come denunciato dalla paziente.

Leggi tutto...

Distrurbi temporo-mandibolari

Distrurbi temporo-mandibolari

Il termine “disordine temporo-mandibolare” descrive patologie o condizioni che interessano l’articolazione temporo mandibolare (ATM), i muscoli masticatori e le strutture circostanti.
Un gestione di successo spesso richiede la collaborazione tra diverse figure professionali, in particolar modo il dentista specializzato in gnatologia, il fisioterapista specializzato in disordini muscolo scheletrici e lo psicoterapeuta.
 
E’ una problematica che affligge maggiormente le donne rispetto agli uomini e stanno emergendo dalle ricerche sul contributo di fattori genetici ed ormonali allo sviluppo della stessa.
 
I sintomi del disturbo temporo manibolare sono generalmente mal di testa e dolore oro facciale e tali segni e sintomi sono presenti in circa il 35% della popolazione. Solo il 5-10% di queste persone però consulta gli specialisti per il trattamento.

Leggi tutto...

  Vai all'archivio Blog
COPYRIGHT 2018 - Dr. Emanuele Fontana
Fisioterapista specializzato in terapia manuale
lorenzo
Realizzazione siti web

Cookie Policy

Informativa privacy ai sensi dell'art. 13 del d.lgs 196/2003 (codice privacy)

Ai sensi dell'articolo 13 del Codice Privacy (D.Lgs. 196/03), La informiamo che l'impresa titolare del sito indicata in calce al sito medesimo è il titolare del trattamento (di seguito "Titolare"). Secondo la legge indicata tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Questo sito raccoglie dati necessari alla navigazione e alla fruizione dei servizi ad essa collegati trattandoli in forma anonima ed aggregata.

Il trattamento di tali dati verrà effettuato attraverso strumenti automatizzati e non, in conformità con le finalità indicate e nel rispetto dei requisiti di riservatezza e delle più idonee misure di sicurezza, come indicate dal Codice Privacy.

Il conferimento dei dati è necessario per perseguire le finalità summenzionate e gli stessi non saranno né comunicati, né diffusi.

I dati saranno conservati per il periodo strettamente necessario al perseguimento delle finalità suindicate e comunque per non oltre un anno.

Nella Sua qualità di interessato del trattamento, Le è garantito l'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/03, tra i quali il diritto di ottenere dal Titolare del trattamento la conferma dell'esistenza dei Suoi dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile, di conoscere le modalità e le logiche del trattamento, di richiedere l'aggiornamento e l'integrazione dei dati stessi, la loro cancellazione o trasformazione in forma anonima, in caso di violazione di legge, nonchè, di opporsi al loro trattamento. Tali diritti potranno essere esercitati rivolgendosi in qualsiasi momento per iscritto al Titolare del trattamento, presso la sua sede indicata nel sito internet medesimo.

Cosa sono i cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono automaticamente posizionati sul PC del navigatore all'interno del browser. Essi contengono informazioni di base sulla navigazione in Internet e grazie al browser vengono riconosciuti ogni volta che l'utente visita il sito.

Cosa fare se non volete che dei cookie siano installati sul vostro computer?

Per alcune persone l'idea che sul proprio computer o portatile vi sia un luogo di memorizzazione delle informazioni rappresenta un'invasione della privacy, in particolare se tali informazioni sono memorizzate e utilizzate da terzi che non si conoscono. Se lo si preferisce, è possibile bloccare alcuni o tutti i cookie o persino cancellare i cookie che sono già stati installati sul proprio computer, tuttavia occorre essere consapevoli che in tal modo vi è il rischio di perdere alcune funzionalità. A tal fine, occorre modificare le impostazioni sulla privacy del proprio browser. 

Alcuni operatori esterni hanno sviluppato strumenti che consentono di disattivare la raccolta e l'utilizzo dei dati da parte dei loro moduli.

Il sito www.lorenzoandreassi.it e i cookies

First party cookies

Il sito utilizza cookie legati al suo funzionamento, finalizzato a:

Non c'è modo di impedire l'utilizzo di questi cookie, oltre che non utilizzare il nostro sito.

Third party cookies

Il sito include funzionalità fornite da terze parti. Un esempio è una mappa incorporata di Google Maps, o Google Analytics. Il sito include le seguenti funzionalità che utilizzano cookies:

Disabilitando questi cookie probabilmente saranno interrotte le funzioni offerte da queste terze parti.

Si invitano gli utenti a prendere conoscenza della politica di gestione dei cookie dei social network sui siti interessati.