GESTIONE FISIOTERAPICA DELLE TENDINOPATIE

La diagnosi clinica di "Tendinopatia" riguarda tutte quelle situazioni in cui si presentano DOLORE E DISFUNZIONE nel tendine.

Le cause vanno spesso ricercate nel sovraccarico. Quando le capacità di carico sono inferiori al carico, come per esempio dopo un periodo in cui si è stati a riposo da allenamento, si può incorrere più facilmente in una tendinopatia.

Biologicamente e strutturalmente si presenterà:

-ATTIVAZIONE DEI TENOCITI;

-PERDITA DELLA NORMALE ARCHITETTURA DEL COLLAGENE (assenza del normale allineamento parallelo);

-INGROSSAMENTO DEI PROTEOGLICANI (dovuto alla presenza di una quota maggior di acqua nel tendine che ne causa l'ispessimento);

-INCREMENTO DI VASI E NERVI NEL TENDINE.

IL dolore proviene da sostanze prodotte da cellule che rispondono al sovraccarico (J.Cook).

 

Non è invece completamente stabilito il preciso contributo funzionale dell'infiammazione nelle tendinopatie.

Le indagini cliniche che maggiormente  possono essere di aiuto nella diagnosi sono l'ecografia , la quale ha una maggiore sensibilità (informazione in più per capire se è confermata la clinica) e la Risonanza Magnetica , la quale ha invece una maggiore specificità (informazione in più per escludere la non presenza della patologia).

Il dolore può migliorare comunque sia in presenza che in assenza di cambi nell'imaging. Questo perchè l'eventuale presenza di degenerazione tendinea è irreversibile, ma il dolore proviene dalla porzione normale .

Esistono 3 differenti fasi di tendinopatia:

1)REACTIVE: dove è presente una riposta cellulare (proteoglicani), reversibile;

2)DISREPAIR: se continua la fase reattiva , cellule e proteoglicani distruggeranno la matrice;

3)DEGENERATIVE: disorganizzazione avanzata, irreversibile.

Esiste inoltre la fase REACTIVE on DEGENERATIVE, dove ci sarà il coinvolgimento della porzione normale di un tendine già degenerato in precedenza.

 

Sono inoltre stati rilevati degli stati alterati delle vie eccitatorie e inibitorie sull'attivazione muscolare attorno al tendine doloroso (Rio 2016).

 

La fisioterapia si è rivelata un trattamento efficace più delle infiltrazioni cortisoniche ( risultate dannose per il tendine a lungo termine) .

 

Jill Cook insieme al suo gruppo di ricerca ha individuato 10 TRATTAMENTI DA EVITARE NEI PAZIENTI CON DOLORE TENDINEO:

1)evitare il riposo completo;

2)non prescrivere esercizi sbagliati;

3)non fare affidamento su trattamenti  passivi;

4)evitare iniezioni corticosteroidee;

5)non ignorare il dolore tendineo;

6)non fare stretching sul tendine;

7)non massaggiare il tendine;

8)non fare affidamento sulle bioimmagini per la diagnosi;

9)non essere preoccupato dalle lesioni ;

10)non sottovalutare la riabilitazione.

 

Il trattamento delle tendinopatie ha come parole chiave la TOLLERANZA AL CARICO: si procederà con un programma di esercizi strutturati per permettere l'adattamento al carico e la progressione verso l'attività target specifica per il singolo paziente..

 

Un fisioterapista esperto nel trattamento dei disturbi muscoloscheletrici può aiutarti a gestire tale problematica con successo!

 

Contattami se hai bisogno di una valutazione!

 

 

 

 

COPYRIGHT 2018 - Dr. Emanuele Fontana
Fisioterapista specializzato in terapia manuale
lorenzo
Realizzazione siti web

Cookie Policy

Informativa privacy ai sensi dell'art. 13 del d.lgs 196/2003 (codice privacy)

Ai sensi dell'articolo 13 del Codice Privacy (D.Lgs. 196/03), La informiamo che l'impresa titolare del sito indicata in calce al sito medesimo è il titolare del trattamento (di seguito "Titolare"). Secondo la legge indicata tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Questo sito raccoglie dati necessari alla navigazione e alla fruizione dei servizi ad essa collegati trattandoli in forma anonima ed aggregata.

Il trattamento di tali dati verrà effettuato attraverso strumenti automatizzati e non, in conformità con le finalità indicate e nel rispetto dei requisiti di riservatezza e delle più idonee misure di sicurezza, come indicate dal Codice Privacy.

Il conferimento dei dati è necessario per perseguire le finalità summenzionate e gli stessi non saranno né comunicati, né diffusi.

I dati saranno conservati per il periodo strettamente necessario al perseguimento delle finalità suindicate e comunque per non oltre un anno.

Nella Sua qualità di interessato del trattamento, Le è garantito l'esercizio dei diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/03, tra i quali il diritto di ottenere dal Titolare del trattamento la conferma dell'esistenza dei Suoi dati personali e la loro comunicazione in forma intelligibile, di conoscere le modalità e le logiche del trattamento, di richiedere l'aggiornamento e l'integrazione dei dati stessi, la loro cancellazione o trasformazione in forma anonima, in caso di violazione di legge, nonchè, di opporsi al loro trattamento. Tali diritti potranno essere esercitati rivolgendosi in qualsiasi momento per iscritto al Titolare del trattamento, presso la sua sede indicata nel sito internet medesimo.

Cosa sono i cookies

I cookies sono piccoli file di testo che vengono automaticamente posizionati sul PC del navigatore all'interno del browser. Essi contengono informazioni di base sulla navigazione in Internet e grazie al browser vengono riconosciuti ogni volta che l'utente visita il sito.

Cosa fare se non volete che dei cookie siano installati sul vostro computer?

Per alcune persone l'idea che sul proprio computer o portatile vi sia un luogo di memorizzazione delle informazioni rappresenta un'invasione della privacy, in particolare se tali informazioni sono memorizzate e utilizzate da terzi che non si conoscono. Se lo si preferisce, è possibile bloccare alcuni o tutti i cookie o persino cancellare i cookie che sono già stati installati sul proprio computer, tuttavia occorre essere consapevoli che in tal modo vi è il rischio di perdere alcune funzionalità. A tal fine, occorre modificare le impostazioni sulla privacy del proprio browser. 

Alcuni operatori esterni hanno sviluppato strumenti che consentono di disattivare la raccolta e l'utilizzo dei dati da parte dei loro moduli.

Il sito www.lorenzoandreassi.it e i cookies

First party cookies

Il sito utilizza cookie legati al suo funzionamento, finalizzato a:

Non c'è modo di impedire l'utilizzo di questi cookie, oltre che non utilizzare il nostro sito.

Third party cookies

Il sito include funzionalità fornite da terze parti. Un esempio è una mappa incorporata di Google Maps, o Google Analytics. Il sito include le seguenti funzionalità che utilizzano cookies:

Disabilitando questi cookie probabilmente saranno interrotte le funzioni offerte da queste terze parti.

Si invitano gli utenti a prendere conoscenza della politica di gestione dei cookie dei social network sui siti interessati.